Come Lavorare Con Deliveroo? Requisiti

Come lavorare con Deliveroo?

come lavorare con deliveroo

Sei arrivato a questo articolo perché volevi sapere come lavorare con Deliveroo. Sei nell’articolo giusto, perché proprio qui ti spiego come si lavora con Deliveroo e come ci si entra. Continua a leggere per scoprire di più.

Video Correlato:

Vediamo subito come lavorare con Deliveroo:

1. Requisiti

Per poter entrare nella flotta di rider di Deliveroo ci sono dei requisiti minimi a cui devi rientrare:

     •  Essere maggiorenne  (+18 anni)

     •  Avere un mezzo di trasporto (biciclette, moto e auto con patente e assicurazione)

     •  Permesso di lavorare in Italia come lavoratore autonomo (ti basta essere italiano in possesso di carta d’identità, se sei extracomunitario ti serve il permesso di soggiorno valido)

     •  Avere uno smartphone che supporti almeno le app recenti. (Con iOS 11 o Android 6.0)

Questi sono i requisiti minimi per poter entrare come rider. Ma ovviamente come tutti i lavori non sempre si viene scelti immediatamente. Spesso vi faranno attendere o alcune volte non vi risponderanno neanche alla vostra candidatura.

 

2. Scegli il mezzo

Entrando come rider per Deliveroo devi scegliere accuratamente il tuo mezzo. Puoi usare la macchina, la moto oppure la bici sia elettrica che non. Per chi usa l’auto è più comodo se lavorate in una città media piccola.

Ma se ad esempio state a Roma centro con la macchina non è proprio una scelta conveniente. Vi conviene di più andare con una bicicletta elettrica (faticate un po’ di meno e guadagnate di più).

Chi usa la bici guadagna di più. Ma può fare meno ordini in certi casi. Al contrario chi usa l’auto o la moto guadagna un po’ di meno ma fanno molti più ordini. Quindi attenti a scegliere il mezzo. Ricordatevi che se piove stare in macchina è sicuramente molto più comodo.

3. Prenota le ore

Una volta che sarai stato scelto, poi ti fanno firmare il tuo contratto a prestazione occasionale e dopo aver ricevuto il tuo Kit Gratuito per trasportare il cibo nel miglior modo possibile puoi iniziare a lavorare.

E qui inizia la guerra. Prenotare le ore ormai è diventata una guerra. Questo perché ogni rider ha un limite di 20 ore di prenotazione al giorno. E per tutti quelli che lavorano in modo “normale” vorrebbero lavorare almeno 40 ore in settimana.

Ma con un limite di prenotazione così diventa difficile guadagnare più di 1000€ netti al mese. Quindi alla fine si deve stare sempre appresso al calendario per poter prendersi tutte le ore possibili.

4. Prendere l'ordine

Una volta che sarai riuscito a prenotarti l’ora, ti metti online e aspetti gli ordini. Il mio consiglio in questa fase è aspettare davanti ai ristoranti. In un parcheggio o in uno spiazzo vicino. In questo modo hai più probabilità di venire assegnato.

L’algoritmo conta soprattutto la velocità delle tue consegne e dove ti trovi in quel momento. Quindi se sei più vicino al ristorante puoi essere assegnato molto più velocemente. 

Vedrai la schermata dove avrai l’ordine in coda e tu dovrai accettarlo. Una volta accettato vai al ristorante, nel posto preciso dove vanno a prendere il cibo tutti i rider e ti accodi lì. Puoi fare molte conoscenze mentre stai in fila. E’ sempre bello conoscere qualcuno che fa il tuo stesso lavoro.

 

5. Consegnare al Cliente

consegna

Una volta che avrai preso il cibo, vai avanti sull’app e automaticamente ti dirà nome e cognome del cliente e indirizzo. Puoi utilizzare Google Maps o Waze in questi casi. Questo perché l’app di Deliveroo Rider per la navigazione non è proprio la migliore. 

Ricordatevi che in periodo di Covid è obbligatorio effettuare consegne senza contatto. Quindi una volta che avrete aperto le borse termiche allontanatevi di qualche metro e poi fate prendere le buste al cliente. 

Una volta consegnato non vi resta che finalizzare l’ordine sull’app e rimanere online per altri ordini. E così si avvierà il ciclo dove prendete il cibo dai ristoranti e poi lo consegnerete al ristorante. Una volta che avrete finito l’ora, l’app automaticamente vi metterà offline.

Articoli Correlati:

Lascia un commento